Monte Fontane si trova sul versante nord orientale dell’Etna. A circa 1200 metri s.l.m. incontriamo la località Pietra Cannone nel territorio comunale di Milo. Tra Monte Fontane e Monte Cirasa (ciliegia nel dialetto siciliano) vi è un piccolo accesso alla parte bassa della Valle del Bove. Il nome Fontane deriva da una polla d’acqua che sorgeva da tre punti di una fontana in pietra lavica ubicata ai margini di un torrente chiamato “torrente Fontanelle”. La vegetazione del luogo è caratterizzata da un fitto bosco di castagno e pometi di una tipica varietà etnea, i puma cola, coltivata tra i 700 e i 1500 metri.

Monte Fontane si trova sul versante nord orientale dell’Etna. A circa 1200 metri s.l.m. incontriamo la località Pietra Cannone nel territorio comunale di Milo. Tra Monte Fontane e Monte Cirasa (ciliegia nel dialetto siciliano) vi è un piccolo accesso alla parte bassa della Valle del Bove.

I Monti Sartorius, dedicati all’omonimo barone di Waltershausen, vennero originati dalla colata del 1865. La dedica allo scienziato non è casuale ma dovuta al fatto che il Sartorius ebbe la fortuna di trovarsi sul luogo nel momento in cui le bocche eruttive si aprirono e le descrisse, come era solito fare, in un suo manoscritto.

Il rifugio Salvatore Citelli si trova nel comune di Sant’Alfio (CT) e deve il suo nome al privato che lo costruì ed alla sua morte lo donò alla comunità. Fu costruito nel 1935 a 1741 metri s.l.m. sul versante nord orientale dell’Etna nell’antica caldera di Monte Concazze.

Piano Provenzana si trova a 1800 m. s.l.m. nel comune di Linguaglossa sul versante nord dell’Etna. Vi si trova una stazione sciistica, dotata di 4 piste, che nel 2002 venne coinvolta nelle eruzioni che distrussero il polo turistico di Piano Provenzana e quindi dovette essere totalmente ricostruita.

Sull’Etna si trovano diverse grotte di scorrimento lavico (Grotta del Gelo, Grotta della neve, Grotta Corruccio, Grotte Serracozzo, Grotta dei tre livelli, Grotte delle Palombe ecc.) formate dall’ingrottamento della lava.